Opinioni politiche

Opinioni politiche

Ridiamo l’ex Macello ai Luganesi!


Lunedì sera il Consiglio comunale deciderà quale futuro avrà il tanto discusso comparto dell’ex Macello. Le opzioni sul tavolo sono due, escludendo lo status quo: un progetto di ristrutturazione che non contempli la presenza degli autogestiti, rapporto unico della Commissione edilizia e di maggioranza della Commissione della pianificazione, e un progetto di ristrutturazione alternativo che presuppone la loro permanenza all’interno della struttura, rapporto di minoranza firmato da PS e Verdi in pianificazione. (altro…)

Opinioni politiche

Obiettivo: piena occupazione!


La piena occupazione è quello stato del mercato del lavoro nel quale ogni cittadino abile all’impiego in un dato territorio, in questo caso il Ticino, è attivo a livello professionale. Non è uno slogan e tanto meno una promessa. Questo dovrebbe essere l’obiettivo primario di Governo e Parlamento, invece di spendere tutte le proprie energie per compiacere altri gruppi d’interesse e gran parte dell’economia ticinese. Quali sarebbero i risultati di una simile politica dell’impiego? È presto detto, maggior gettito fiscale delle persone fisiche, minor spesa sociale, rivitalizzazione del circuito economico locale oltre, ovviamente, al fatto che il cittadino riceverebbe la miglior prestazione sociale che potrebbe mai chiedere: un lavoro.
(altro…)

Opinioni politiche

“Scenario 1992”


C’è una palese mancanza di fantasia tra le file dei contrari all’iniziativa per l’autodeterminazione, soprattutto tra le associazioni economiche, e nella loro campagna contro la democrazia diretta. Per tentare di far serpeggiare il terrore tra i cittadini svizzeri, colpevoli di contare ancora qualcosa in questo Paese che non fa parte dell’Unione europea, hanno sfoderato il più classico dei repertori, quello dello sfacelo economico. (altro…)

Opinioni politiche

Salviamo la Democrazia diretta!


L’iniziativa per l’Autodeterminazione propone a Popolo e Cantoni di elevare la nostra Costituzione federale al massimo rango all’interno del nostro Stato di Diritto. Un’iniziativa assolutamente necessaria visto che dal 2012 in poi il Tribunale federale ha emesso svariate sentenze contrarie alla preminenza della nostra Magna Carta, sancendo la superiorità del diritto internazionale sulle nostre leggi. (altro…)

Opinioni politiche

Sì all’abolizione del canone Billag


L’iniziativa No Billag, checché se ne dica, rappresenta una pietra miliare nello sviluppo mediatico svizzero. Mai si è discusso così a fondo sul ruolo dei media nel nostro Paese, sul ruolo dello Stato in ambito mediatico e sull’esistenza del canone stesso. Una discussione intensa che mai ci sarebbe stata, nemmeno ora che a Berna si apprestano ad approvare la nuova Legge federale sui media, che sostituirà l’attuale Legge federale sulla radiotelevisione (LRTV), e la nuova concessione della SSR. Avremmo assistito al classico dibattito parlamentare, con relativo scambio di opinioni, accuse e giustificazioni per qualche mese per poi far tornare l’argomento nell’oblio fino al prossimo rinnovo. Il canone sarebbe rimasto a quota 400 Fr. come dichiarato durante la campagna per la revisione della LRT e come si può leggere sul libretto esplicativo di allora. (altro…)