Il circo attorno all’immigrazione di massa continua – Gregor Rutz, CN UDC ZH

L’articolo 121a della Costituzione federale esige che la Svizzera gestisca in maniera autonoma l’immigrazione degli stranieri sul suo territorio. A sentire il PS e il PLR, la Berna federale non dovrebbe più discutere questo mandato costituzionale. Dopo la decisione del Consiglio nazionale di rinunciare a delle misure di gestione e alla preferenza nazionale, rimpiazzando questi strumenti con un annuncio facoltativo degli impieghi vacanti, il Consiglio degli Stati ha aggiunto a questo dispositivo diverse norme burocratiche. Senza che nessuno o quasi se ne sia reso conto, la sezione “misure di limitazione” della legge sugli stranieri è stata cancellata. Si tratta ormai solo di una “ammissione a un’attività lucrativa”. La maggioranza del Parlamento rifiuta ostinatamente di gestire l’immigrazione – un autentico scandalo. Continua a leggere “Il circo attorno all’immigrazione di massa continua – Gregor Rutz, CN UDC ZH”

Pericolose conseguenze dell’immigrazione incontrollata e illimitata – Fine della «cultura del benvenuto»

Editoriale del Capogruppo UDC alle Camere federali Adrian Amstutz

Parigi, Bruxelles, Nizza, Würzburg, Monaco, Reutlingen, Ansbach, la chiesa di un villaggio della Normandia – attentati terroristici e furie omicide si susseguono a periodi sempre più brevi. Benché nessuno voglia parlarne, tutti gli autori di questi delitti hanno praticamente qualcosa in comune. Sono per la maggior parte giovani maschi musulmani con retroscena migratorio, che apparentemente non vogliono integrarsi e che sono venuti in Europa assolutamente convinti di aspettative che ben presto state disilluse. Ciò contro cui l’UDC ha sempre messo in guardia sta purtroppo diventando una triste realtà. Continua a leggere “Pericolose conseguenze dell’immigrazione incontrollata e illimitata – Fine della «cultura del benvenuto»”